Biscotti al caramello ed anacardi

Cashew-Caramel Cookies

Questi biscotti sono BELLISSIMI. Sarà che adoro il caramello pero’ li trovo davvero fantastici. Peraltro combinano il gusto degli anacardi al caramello e lo trovo un contrasto molto interessante.

Vi riporto la ricetta.

Ingredienti:

  • 1 tazza e 2/3  di farina
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 2 tazze e 1/2 di anacardi tostati salati
  • 2 cucchiai e 1 cucchiaino di olio di semi
  • 8 cucchiai di burro ammorbidito
  • 3/4 di  tazza di zucchero di canna
  • 1/2 tazza di zucchero semolato
  • 1 uovo grande
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia puro
  • 24 cubetti di caramelle al caramello mou
  • 1/4 di tazza di panna

Preparazione:

Riscaldate il forno a 175 gradi. Setacciate la farina ed il sale. Tritate grossolanamente 1 tazza di anacardi e mettela da parte. Tritate finemente in un robot da cucina la restante tazza e mezza di anacardi. Quindi versate l’0lio e continuate a tritare finchè non ottente un composto cremoso, per circa due minuti.
Inserite la miscela di anacardi, burro e zucchero nella ciotola di un mixer elettrico dotato del collegamento della pala, mescolate a media velocità per qualche minuto. Inserite un uovo e la vaniglia  e continuate a mescolare. Riducete la velocità a bassa; aggiungete gradualmente la farina. Per ultimo aggiungete gli anacardi e mescolate in modo che si amalgamino bene al composto.
Create con la pasta dei biscotti delle palline grandi piu’ o meno come noci e disponetele separate su una teglia coperta da carta forno. Infornate per 6 minuti; appiattite quindi i biscotti delicatamente con una spatola. Cuocete fino a quando non risultano dorati, ovvero altri  6-7 minuti. Sfornate la teglia e lasciate raffreddare i biscotti.
Per preparare il caramello fate sciogliere in un pentolino a fuoco basso la panna con le caramelle mou. Mescolate di continuo. Lasciate quindi raffreddare e  dopo, con un cucchiaio, passate il caramello a filo sui biscotti in modo da creare un decoro come nella foto.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Le spose piu’ eleganti…

Vedo tantissime foto di spose. Non sono solo gli abiti a fare elegante una sposa, c’è anche un fascino, una delicatezza innata che contribuisce a rendere una sposa unica.

Io credo pero’ che l’abito debba adattarsi perfettamente al carattere della sposa, esaltare la sua bellezza ma anche la sua personalità. Deve farla sentire bella ed a suo agio: naturalmente elegante. Voglio proporvi delle spose che a mio avviso sono delle vere e proprie Icone:

Audrey Hepburn

Audrey Hepburn e Mel Ferrer 

Grace Kelly

Jacqueline Kennedy

Carolyn and John Jr

Carolyn e John Kennedy Jr

Wallis Simpson & Edoardo VI

Elizabeth Taylor e Conrad “Nicky” Hilton

The 30 most iconic wedding dresses

Charlene ed il Principe Alberto di Monaco

The 30 most iconic wedding dresses

Frank Sinatra & Mia Farrow

Kate Middleton

William d’Inghilterra e Kate Middleton

Concludo infine con l’abito di Gwen Stefany che io ho sempre considerato favoloso soprattutto perchè si adattava perfettamente a chi lo indossava.

Gwen Stefani

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Un regalo per testimoniare un affetto infinito…

Questa idea regalo per le damigelle o per i testimoni la trovo davvero graziosa.

Si tratta di un anellino d’oro con il simbolo dell’infinito che sta a significare l’infinito affetto o l’infinita amicizia che vi lega a chi lo regalate. Abbinato ad una scatolina personalizzata puo’ essere davvero un dono speciale per le vostre testimoni, o meglio, le vostre damigelle 🙂

Nella scatolina potete esplicitare il significato dell’anello.

In giro ho visto molti anelli con questo simbolo, in realtà nessuno carino come quello nella foto, che è americano. Secondo me vale la pena farselo realizzare da un orafo;  sembra abbastanza semplice.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Snickers Popcorn

snickers popcorn

credit: cookies & cups

Ho trovato in giro moltissime ricette per arricchire i pop corn. Io li adoro. Soprattutto quando vado all’estero cerco di assaggiarne di tutti i gusti…

Trovo davvero divertente poter pensare a diversi modi di condirli e credo che sia anche facile.

Potete prepararli per diversificare una serata davanti alla televisione o per ravvivare una festa. Oggi voglio postare la ricetta degli Snickers Popcorn. Chi non conosce questi snack al cioccolato?

Ingredienti:

  • due tazze di mais che andrete a far scoppiettare per diventare popcorn
  • 1 tazza di burro salato
  • 2 tazze di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 tazza di sciroppo di mais
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 tazza di arachidi salate
  • 30 barrettine – quelle piccole – di Snickers tritate grossolanamente o 10 di quelle normali
  • 80 grammi di cioccolato fuso semi dolce

Preparazione

Cominciate preriscaldando il forno a 100 °

Fate sciogliere in una casseruola del burro, poi aggiungete e bollite a fuoco medio, lo zucchero di canna, il sale e lo sciroppo di mais per 5 minuti.
Togliete la casseruola dal fuoco e mantecate con il  bicarbonato di sodio.
Versate  il composto sopra il  popcorn e mescolate per ricoprire uniformemente.
Trasferite i popcorn su una teglia coperta da carta da forno e cospargetela arachidi.  Mescolate fino a quando tutto è ricoperto in modo uniforme.
Trasferire popcorn nel forno e cuocete per 1 ora e 15 minuti, mescolando ogni 15 minuti.
Togliete la teglia dal forno e aggiungete gli Snickers tritati grossolanamente. Rimettete la teglia nel per altri 3 minuti fino a quando gli  Snickers cominciano a sciogliersi leggermente sui popcorn.
Togliete il tegame dal forno e trasferite i popcorn su un’altra teglia coperta di carta forno per raffreddare.
Se lo si desiderato potete cospargere i popcorn di cioccolato fuso.
Una volta raffreddati potete conservarli in un contenitore ermetico.

Prossimamente vi riportero’ altre gustose ricettine…

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Bomboniere con monogramma

Per chi ama personalizzare tutto è molto graziosa l’idea di decorare le proprie bomboniere, i portaconfetti e tutti gli accessori del matrimonio con il vostro monogramma. Peraltro puo’ risultare anche estremamente elegante. Per esempio alcuni portaconfetti:

Ruffly and Romantic

Cosa ne dite di questi coni portaconfetti? A me piacciono molto…

Poi abbiamo i biscotti confezionati singolarmente da offrire come dono agli ospiti:

E poi diverse scatoline rilegate con il vostro logo

Nonchè, ovviamente le partecipazioni

Cosa ne pensate di queste tortine singole come regalo per i vostri ospiti? Io le trovo molto originali

E ancora delle tortine nel buffet di dolci…

Ovviamente dovete curare l’estetica del vostro monogramma, creando un intreccio molto elegante delle vostre iniziali. Dovranno sposarsi bene anche i colori che devono essere abbinati a quelli della cerimonia. Vi posto qualche esempio:

Le possibilità sono infinite. Sta a voi metterci la fantasia e la creatività! Oppure potete rivolgervi ad un bravo grafico 🙂

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Segnaposto Champagne

Champagne Escort CardsQuesta idea di Martha Stewart mi è piaciuta davvero tanto.

Adoro la concezione di segnaposto americana, ovvero un piccolo dono che indica all’ospite il tavolo dove accomodarsi.

In questo caso si tratta di un flute di Champagne con una targhettina che riporta il nome dell’ospite ed il suo tavolo. Ovviamente sono da disporsi in ordine alfabetico in file parallele su un tavolo, alle porte della sala che ospiterà il ricevimento.

Carina l’idea cromatica dei cioccolatini a forma di cuore il cui colore si sposa perfettamente con quello dello Champagne.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Feste a tema: giropizza party

Sono di origini napoletane e pertanto non posso sottrarmi all’amore innato per la pizza. Per questo tra le tante feste a tema che ho organizzato non ho voluto privarmi di una festa che si ispirasse al giropizza.

E’ estremamente allegro come tema e non potrà non conquistare i vostri ospiti. Insomma a chi non piace la pizza?

Il segreto è rendere tutto estremamente informale e preparare diversi gusti di pizza per soddisfare tutti i palati e rendere la serata dinamica.

Non è il caso a mio avviso di fare un party in piedi o a buffet. Meglio raccogliere un giusto numero di ospiti, non piu’ di una dozzina, ed organizzare una grande tavolata.

La tavola dovrà essere allegra, partenopea. Io vi raccomando sempre di coordinare il tutto: piatti, bicchieri, tovaglioli. Non lasciate nulla al caso.

E’ meglio usare come centrotavola delle candele e magari qualche piccolo vasetto qua e là con un fiore.

I bicchieri grandi, da birra che ovviamente dovrete servire a volontà insieme a soft drinks.

Passiamo alle pizze: una volta che avete molta pasta della pizza pronta (potete prepararla due o tre ore prima della festa o comprarla in grandi quantità già preparata) potete cimentarvi in diverse preparazioni. Ovviamente si parte da una classica pizza margherita arricchita magari da mozzarella di bufala e basilico fresco. Poi puntate su diversi tipi di pizza che vi piacciono e possono piacere ai vostri ospiti. Posso dirvi cosa ho preparato per il mio party:

– focaccia con patate e pancetta (su una base di pasta della pizza si dispongono dadini di mozzarella e poi patate e pancetta saltate in precedenza in padella. Si inforna per circa 15/20 minuti a 200 gradi)

– focaccia con zucchine e emmental (su una base di pasta della pizza si dispongono rondelle di zucchine e cipolla passate prima in padella e dopo 10 minuti di cottura si cosparge con emmental grattuggiato che si finisce di cuocere in forno per 10 minuti)

– pizza con salsicce e friarielli (si tratta di due dischi di pasta della pizza con ripieno di cime di rape passate in padella, salsiccia a tocchettini saltate in padella ed infine quadrotti di scamorza)

– pizza con salame, pizza con tonno, pizza ai quattro formaggi

– focaccia di recco (questa non è facilissima da fare, ma postero’ la ricetta)

Le focacce possono essere preparate prima e riscaldate poco prima di servirle, mentre le pizze sarebbe bene cuocerle al momento (del resto non ci vuole piu’ di 15 min) ma potete anch’esse prepararle prima e poi scaldarle.

Per dolce potete scegliere qualcosa di napoletano, per esempio andate in pasticceria e comprate sfogliatine e babà, oppure se si tratta di mesi freddi potete provare a fare una pastiera.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Rote Grunze: gelatina di frutti rossi

Rote Grutze

Semplice e scenografico questo dessert fatto con i ribes freschi. Rote grütze in tedesco è gelatina di frutti rossi.

Qui di seguito il procedimento per prepararlo:

Ingredienti

  • sei tazze di ribes freschi, piu’ altri per la decorazione
  • 1 tazza ed 1/4 di zucchero
  • 1/4 di tazza di vino rosato
  • 1/4 di cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai e 1  1/2 cucchiaini di amido di mais
  • Panna montata leggermente zuccherata, per il rabbocco

Preparazione

Portate ad ebollizione in una casseruola media ed a fuoco medio alto 3 tazze di  ribes, lo zucchero, il vino, e il sale . Abbassate la fiamma e lasciate cuocere fino a quando le bacche sono morbide, circa 1 minuto. Mettete il composto in frullatore fino ad ottenere una purea.  Versate attraverso un setaccio fine in una ciotola.

Rimettere la purea filtrata nel tegame e portare ad ebollizione. Aggiungete gli altri ribes e riportare ad ebollizione. Schiumare se necessario.

Miscelate l’amido di mais con 1/4 di tazza di  acqua fino a quando l’amido di mais  non si scioglie, poi aggiungetelo nella miscela di ribes e frullatela assieme.. Cuocete a fuoco alto, mescolando di tanto in tanto, fino a ebollizione, per circa 5 minuti. Lasciate raffreddare  per altri 5 minuti.

Dividete la miscela tra  6 piccoli bicchieri. Metteteli in frigorifero fino a quando rassodano, da un’ora e mezza fino ad otto ore. Decorate infine con un ciuffo di panna montata sulla parte superiore e servite con ribes freschi.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

L’arte del ricevere: il barbecue

Finalmente sta arrivando la bella stagione e questa giornata di sole mi ha fatto pensare ai numerosi barbecue che ho organizzato sulla mia terrazza.

Vediamo quindi come si puo’ allestire un barbecue per ricevere i nostri amici.

Ovviamente sarebbe il caso di disporre di un grande terrazzo o un giardino anche perchè la griglia deve essere disposta non vicino ai commensali per non disturbarli con il fumo: anche se ovviamente il profumo delle leccornie che cuocono è sicuramente molto apprezzato.

Organizzate innanzitutto una grande tavolata oppure se si tratta di molta gente  provvedete ad organizzare diversi tipi di tavolini o punti di appoggio dove i vostri ospiti possono accomodarsi per gustare i cibi e chiacchierare con gli altri avventori.

Anche se si tratta di fatto di una festa informale non lesinate nella cura dei particolari, per esempio utilizzate tovaglie allegre e colorate e non dimenticate dei centrotavola che possono essere fatti con fiori semplici, di campagna magari inseriti in vasetti trasparenti. Anche sui tavolini singoli.

mla102322_0906_party.jpg

mla97934_0806_pitch_plenty.jpg

Per i piatti vi consiglio di usare quelli semplici in ceramica bianca oppure potete puntare su piatti diversi di diversi servizi per creare una confusione elegante. In ultimo se non volete puntare sui piatti dei vostri servizi potete acquistare quelli di plastica. Ce ne sono davvero di molti tipi ma voi scegliete quelli di qualità. A questo punto coordinate il colore dei piatti con il resto della mise en place: tovaglia, tovaglioli, decorazioni.

Trovo davvero carine le posate presentate con questi nastrini fatti di pizzo, ma in carta:

kids_spring06_napkins.jpg

Anche i bicchieri possono essere allegramente ricoperti da carta colorata: questo permetterà ai vostri ospiti di riconoscere il proprio in caso di party in piedi.

mld104812_0709_origami2.jpg

Inoltre potete decorare gli spazi con lampadine colorate o con lanterne:

gt04julmsl_nightlights.jpg

In modo molto divertente le bibite possono essere tenute in fresco in un grosso contenitore di metallo con ghiaccio, cosa ne pensate:

mld103497_0708_bottleopnrs.jpg

mld102612_0707_buckets39.jpg

Passiamo finalmente al cibo: ovviamente in un barbecue non deve mancare cibo da fare alla griglia: quindi hamburger, spiedini, costine, bacon, verdure tagliate a fette (melanzane, zucchine, trevigiana, peperoni), pannocchie.

edf_jul06_side_grilled.jpg

Gli hamburger devono essere presentati nel panino al sesamo con ketchup, insalata, pomodoro. Meglio se accompagnati con patatine fritte, in alternativa preparate una gustosa insalata di patate.

Per accompagnare le pannocchie non deve mancare il burro salato così come per accompagnare la restante carne una deliziosa salsa barbecue: potete trovarla al supermercato oppure prepararla voi stessi. La ricetta non è affatto difficile:

  • 1 bottiglia (24 once) ketchup (circa 3 tazze)
  • 1 tazza di aceto di sidro
  • 1/2 tazza di melassa senza aggiunta di solfiti
  • 2 cucchiai di salsa Worcestershire
  • 1 tazza di acqua
  • 1 cucchiaio di paprika
  • 1 cucchiaio di cipolla in polvere
  • 1 cucchiaio di senape in polvere
  • 1 cucchiaino di aglio in polvere
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero
  • 1/4 a 1/2 cucchiaino di pepe di Caienna

Unire tutti gli ingredienti in una casseruola media. Portate ad ebollizione, ridurre la fiamma e cuocete a fuoco lento fino a quando la salsa è addensata e ridotta di un terzo,  per circa 30 minuti. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente prima di utilizzare.

Ovviamente non fate mancare nemmeno ketchup, maionese e senape oltre ovviamente a olio d’oliva e aceto balsamico sulla vostra tavola.

mld103986_0708_decantings.jpg

Poi servite del pane gustoso a fette oppure meglio della focaccia tagliata a strisce, dei sottaceti, sott’olio, insalata mista. Se volete esagerare potete servire anche dei formaggi ma non sono necessari, piu’ che altro se avete degli ospiti vegetariani.

La frutta puo’ essere simpaticamente presentata in monoporzioni: anguria e melone scavato a palline si presta in modo molto allegro ad un barbecue

msl_jul06_gt_cups.jpg

Ma anche le ciliegie si prestano bene

cherries_sum99.jpg

Infine per dessert servite dei gelati e delle crostate di marmellata o di mele. Si accompagnano bene al vostro tema e saranno apprezzatissime dagli ospiti. Il sapore casalingo dei dolci non è mai fuori moda.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

I Love Pets

970439_141359406055285_141322662_nIo adoro i cani. Ne ho due e fanno a tutti gli effetti parte della mia famiglia.

Infatti, come forse molti, ho la foto di quello piu’ piccolo sul cellulare, come sfondo del desktop.

Oggi mi sono imbattuta in questa idea che trovo deliziosa per portare sempre con se qualcosa che ci ricordi  il nostro pelosetto.

Nasce da una collaborazione tra una un marchio di gioielli, I Cuori di Mia, e la Wedding Dog Sitter per eccellenza: Elisa Guidarelli.

Si tratta di un braccialetto in argento 925, assolutamente Made in Italy, con un ciondolo a forma di cuore che riproduce il profilo del cane ed il suo nome. Il profilo non è quello di un cane qualunque, ma proprio del nostro: infatti inviando una foto del profilo del nostro amico questi bravissimi gioiellieri riusciranno a riprodurre fedelmente la sua fisionomia.

Potete far confezionare anche le medagliette  in plexiglass da attaccare al collare.

954694_143499385841287_1964795986_n

969347_143142822543610_951615657_n

Non trovate che sia un’idea davvero originale?

La linea è I Love Pets – Special Edition Jewels by I Cuori di Mia & Wedding Dog Sitter.

Per maggiori informazioni potete contattarli tramite:

I Cuori di Mia e Wedding Dog Sitter

Oppure sulla loro pagina Facebook:

https://www.facebook.com/ILovePetsICuoriDiMiaWeddingDogSitter

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Crostata di ciliegie americana

Cherry CobblerChi mi conosce sa che ADORO le ciliegie. Davvero non ho limiti quando sono in stagione: passo al setaccio tutti i fruttivendoli e mi assicuro sempre le migliori quando non mi vengono portate da mia suocera che le raccoglie per me in Trentino.
Pertanto non stupitevi se postero’ tante ricette con le ciliegie…
Ingredienti:
4 tazze di farina
4 cucchiaini di lievito in polvere
1  cucchiaini e mezzo di sale grosso
1 tazza di zucchero
3/4 di tazza di  burro non salato molto freddo
2 tazze di panna fredda
1,5 kg ciliegie fresche, snocciolate,
4 cucchiaini di amido di mais
1 cucchiaino di estratto di vaniglia puro
Preparazione:
Preriscaldate il forno a 200 gradi. In una ciotola, unite la farina, il lievito, il sale e 1/2 tazza di zucchero. Utilizzando una grattugia con fori di grandi dimensioni  grattugiate il burro nella farina. Con una forchetta mescolate tutto insieme fino a quando non risulta cremoso. Su un piano di lavoro infarinato stendete la pasta fino ad uno spessore di circa 2 cm con un mattarello infarinato. Con un coltello ritagliate  8 – 12  quadrati di pasta.
In una ciotola unite le ciliegie, la restante 1/2 tazza di zucchero, l’amido di mais e la vaniglia. Dividete  la miscela tra quattro  stampini; ricoprite ogni ciotolina con  2 o 3 pezzi di pasta. Spennalate la superficie con la panna. Cuocete  le ciotoline su una teglia da forno  fino a quando i biscotti sono cerchiati d’oro, circa 40 a 45 minuti, ruotando la teglia a metà cottura. Lasciate raffreddare 15 minuti. Servite caldo o a temperatura ambiente.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Il galateo del matrimonio: le bomboniere

Le bomboniere sono il ringraziamento che viene dato a tutti coloro che, partecipando al matrimonio, hanno offerto un regalo o una vicinanza particolarmente sentita. Inoltre è un ricordo che rimarrà ai vostri ospiti in ricordo della vostra unione.

Tradizionalmente la bomboniera è di argento, porcellana di limogès o Capodimonte, vetro di Murano o in ultimo un oggettino di Swarovsky; negli ultimi anni  pero’si sono sviluppati parecchi oggetti che vanno benissimo purchè di buon gusto.

Oggi si tende a scegliere qualcosa che abbia anche una sua utilità tipo un posacenere o un portaoggetti, un segnalibro, portaritratti, fermacarte… Dal punto di vista del galateo evitate di fare due tipi di bomboniere, ovvero quelle per gli ospiti che considerate importanti e quelli che considerati meno importanti. L’unica distinzione si fa’ nei confronti dei testimoni ed al massimo nei confronti dei genitori degli sposi. Insomma potete eventualmente variare le forme ma dovete restare sullo stesso tipo di materiale.

In generale viene donata una bomboniera a famiglia ed una a testa per le coppie di fidanzati.

Cercate di essere previdenti e acquistare qualche bomboniera in piu’ che semmai potra’ rimanere a voi o ai vostri figli come un sentito ricordo.

Secondo il bon-ton le bomboniere andrebbero consegnate entro venti giorni dal matrimonio. Di norma noi le consegniamo alla fine del festeggiamento. In ogni caso non vanno mai consegnate prima.

A coloro che non sono potuti intervenire alle nozze le bomboniere andrebbero inviate entro dieci giorni o comunque non appena tornati dal viaggio di nozze.

Ricordatevi che nella confezione della bomboniera, che dovrà essere opportunamente decorata, dovranno esserci dei confetti ( per il matrimonio sono cinque ed in ogni caso in numero dispari) ed un bigliettino con i nomi degli Sposi e la data delle nozze.

Eva D’Angiola

Logo The WeddingEve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it

Cubetti di ghiaccio decorati

icecubes-flowers-0511mld107066.jpg Deliziosa questa idea. Sono sicura che per molti non è una novità ma la considero davvero carina per decorare bibite o semplicemente un bicchiere d’acqua durante una festa.

Per creare i cubetti bisogna seguire attentamente il procedimento.

Innanzitutto utilizzate dell’acqua che avrete precedentemente fatto bollire e poi raffreddare: questo limiterà le bolle d’aria e le impurità che possono rendere torbido il ghiaccio.

Dotarsi di vaschette per il ghiaccio abbastanza grandi. Riempirle con l’acqua per un quarto, quindi inserire i fiori a testa in giu’ e mettere nel freezer fino a quando non sono ghiacciati. Aggiungere ancora un quarto d’acqua e rimettere a congelare. Infine riempire la metà restante con l’acqua e ricongelare.

Utilizzate solo fiori commestibili come le orchidee, nasturzi, viole del pensiero, e le bocche di leone, che siano state coltivate per essere mangiate  (quindi verificate che non siano stati trattati con sostanze chimiche).

gt04janmsl_punchbowl03.jpg

Per realizzare invece le fettine di frutta congelate dotatevi di pirottini di carta ed inserite in ognuno fette di limone, lime o arancia sovrapposte. Riempiteli fino all’orlo d’acqua e quindi congelateli e serviteli con le bevande che desiderate aromatizzare ed abbellire.

Eva D’Angiola
logo the weddingeve
The WeddingEve – Wedding Planner Milano
info@theweddingeve.it